A seguito delle dichiarazioni sconclusionate del Consigliere Comunale di Isola Liri Mauro Tomaselli, ecco la nostra risposta. Importanti sono i dati che vengono forniti in questo nostro comunicato, come le differenze economiche tra Paesi ricadenti in Aree Protette e non.

http://ciociaria.ogginotizie.it/268082-parco-il-comitato-per-la-protezione-monti-ernici-risponde-a-tomaselli/#.Uh4eh2xH5dg

risp


Ad Anagni i Carabinieri, in seguito a segnalazioni di colpi di arma da fuoco, hanno sorpreso due bracconieri intenti ad effettuare una caccia al Cinghiale fuori dal periodo consentito.

http://ciociaria.ogginotizie.it/267600-sorpresi-mentre-effettuano-una-battuta-di-caccia-al-cinghiale-denunciati/#.Uh3q6mxH5dg

L'articolo di Ciociaria Oggi sull'episodio di bracconaggio ad Anagni.

L’articolo di Ciociaria Oggi sull’episodio di bracconaggio ad Anagni.


DUE SPECIALISTI NELL’AGGRESSIONE VERBALE

 

Il Dott. Zunino e il Dott. Vivoli, due specialisti che non sanno dialogare e per di più, specialisti nel negare l’evidenza.

Qualcuno può negare il fatto che sui i Monti Ernici e i Cantari non è dato vedere un Capriolo, un branchetto di Cervi o Camosci?

E perché poi l’ironia sugli Orsi?

Qualcuno può negare l’evidenza dell’emozione che prova chiunque abbia la fortuna di vederlo o vederne le tracce?

Come si può negare poi che i paesi e le realtà che vivono a ridosso delle aree protette hanno indici occupazionali ed economici superiori?

Basta andarsi a vedere le pubblicazioni scientifiche o più semplicemente leggere ad esempio il Corriere della Sera, Edizione Campania e vedere come viene spiegato che la zona montuosa del Cilento da quando è diventata parco è divenuta una delle zone di massima attrazione in Campania.

E poi chi sono questi due “Scienziati in Sociologia”  secondo cui i cittadini sarebbero scontenti?

Perché allora loro stessi non si fanno interpreti di un referendum sulla caccia?

E a proposito di applicazione delle regole, perché il Dott. Vivoli non rispetta le norme che riguardano le Aree Contigue? E non spiega che i cacciatori delle aree interessate sarebbero i soli a poter cacciare?

Chi ha interesse oggi che i cacciatori da tutta la Campania e Lazio vengono nelle nostre zone? E ancora a chi fa comodo che nelle nostre zone ci siano battute di caccia al cinghiale con decine e decine di battitori e fino a 50 cani contemporaneamente, a proposito Zunino, Lei è d’accordo anche sulla caccia braccata?

E per finire, ci chiedono di piantare e zappare.

E loro cosa fanno?

Il Dott. Vivoli è alla presidenza dell’A.T.C., da quanti anni “vive” di presidenza?

E il Dott. Zunino, dove “ha zappato”?

Noi di Orso and Friends l’abbiamo fatto con i nostri soldi, mettendo a dimora centinaia di alberi da frutto.

In primavera li puliamo e in autunno li potiamo, perché davvero crescano.

E poi abbiamo recuperato e ripiantato centinaia di alberi in via di rinsecchimento.

Per evitare ironie o dubbi da Zunino, sono tutte segnate e localizzate con tracce GPS e i tabulati consegnati al Parco.

E quindi per finire, un po’ più di modestia e meno prosopopea.

Noi non abbiamo nulla contro i cacciatori.

Anzi siamo convinti che si può convivere, da amanti della natura, ma senza insultare.

 

Agostino Conte.


 

Riceviamo da  Marcello Fabrizi  –  Dirigente dell’ATC (Ambito territoriale di caccia) FR 1

Posted 26 agosto 2013 at 21:33

 

Fino ad ora i Monti Ernici si sono tutelati da soli, ne è un esempio lampante Prato di Campoli, adesso arrivate Voi, parcomaniaci, a chiedere l’istituzione dell’ennesimo Parco nel Lazio (siamo ben oltre la percentuale consentita per legge). Ma la cosa che mi fa più ridere è la motivazione che portate a scusante per l’istituzione di questo Parco: LA TUTELA DI UN ORSO MARSICANO! Con tutto il rispetto dovuto all’ORSO, non mi sembra sufficente. E poi chi dovrebbe mettere in pericolo l’ORSO? La risposta che dareste voi già la conosco: I CACCIATORI o peggio ancora i BRACCONIERI, che naturalmente andrebbero a rivendersi la pelle dell’ORSO al mercato nero.

Guardando in faccia la realtà, la verità è questa: è un tentativo di creazione di poltrone ben retribuite, senza di contro nessun ritorno né per l’ambiente né per la collettività, né tantomeno per l’orso che vivrà tranquillo e sereno, almeno finché non andrà a rompere le “uova” a qualche allevatore………

E’ questo infatti l’unico pericolo che corre l’ORSO, Parco o non Parco.

Porgo cordiali saluti, invitandoVi a desistere dal Vostro intento.

Marcello Fabrizi (membro del direttivo ATC FR1)

 

La risposta del COMITATO:

Caro Fabrizi,

ci fa piacere che dopo lo spazio che la stampa locale ci ha dedicato lei come rappresentante dell’ATC FR1 senta il bisogno di scriverci, poiche’ e’ molto meglio discutere che far finta di niente e certamente con i cacciatori frusinati siamo lieti di discutere del futuro dei Monti Ernici che appartengono a tutti noi… cacciatori e non cacciatori.

 

Prima di tutto ci permetta di sgombrare il campo dall’equivoco che la nostra richiesta dipenda dalla presenza di un orso, che ci sia e’ una bella notizia per tutti coloro che amano la natura e quindi immagino anche per lei ma se anche Ernico se ne andasse verso i Simbruini o l’Abruzzo o peggio fosse ucciso da qualche malintenzionato i termini della questione non cambierebbero di un centimetro perche’ sono i Monti Ernici i loro paesaggi, il loro patrimonio botanico, le loro acque a meritare un regime di tutela.

 

Siamo in campo anche per dare un futuro ad un territorio bello quanto quello adiacente abruzzese ma che raccoglie le briciole in termini di ritorno turistico e valorizzazione rispetto ai nostri vicini. Siamo in campo perche’ non vorremmo piu’ vedere tagli selvaggi o a raso come quello che il Comune di Sora sta programmando nella cosiddetta ‘Area Wilderness Monti Ernici Orientali” che in realta’ non e’ altro che una vuota parola e non tutela assolutamente nulla , siamo in campo perche’ negli Ernici non si vada a caccia fuori stagione e su terreno innevato come fanno alcuni bracconieri regolarmente da anni anche nell’Oasi faunistica di Trisulti (e questo credo che a lei ,che e’ un dirigente dell’ ATC FR1 non possa che far piacere visto che si rischia di far passare tutti i cacciatori come bracconieri mentre la grande maggioranza di essi pagano le tasse e osservano divieti e regolamenti), siamo in campo per impedire che quad e moto da trial si addentrino nei luoghi piu’ remoti e di rifugio della fauna selvatica,siamo in campo per impedire nuove captazioni delle acque di superficie , siamo in campo per bloccare progetti di speculazione edilizia che consumano territorio e non portano ricchezza alcuna, siamo in campo perche’ gli allevatori locali siano assistiti nel controllo sanitario del loro bestiame e i danni da fauna selvatica siano celermente rimborsati (la Regione Lazio ha 2 anni di danni arretrati da pagare…). Insomma come vede ci sono svariati motivi che giustificano la nostra richiesta che porteremo avanti parlandone con tutti coloro che vivono sul territorio e ne usufruiscono quindi anche ed in primo luogo con i cacciatori ma di una cosa si deve fare una ragione ed e’ che tutti i cittadini hanno eguali diritti e doveri ed in una societa’ civile e’ la mediazione  la via attraverso la quale si risolvono i conflitti d’interesse ammesso che che ci sia un conflitto tra chi e’ favorevole alla tutela (che potrebbe essere anche un’ampliamento del Parco regionale dei Simbruini all’area dei Monti Ernici se la preoccupazione e’ quella creare un’altro Ente in tempi di crisi economica) ed i cacciatori. Si perche’ a noi sembra che ampie aree resterebbero a disposizione di chi legittimamente pratica la caccia e non pochi vantaggi la stessa l’area protetta  sortirebbe in favore di un patrimonio faunistico che altrimenti va rimpinguato ogni anno con costosi lanci di selvaggina, senza contare che come in altre aree protette i  cacciatori potrebbero giocare un ruolo importante come selecontrollori.

 

Ci permetta infine di ricordarLe che 13 delle 15 associazioni che compongono il Comitato sono associazioni locali di cittadini che vivono in territorio di Frosinone-Alatri-Collepardo-Guarcino e Anagni che hanno quindi pieno diritto a discutere dell’utilizzo  del proprio territorio forse piu’ di decine di cacciatori che convergono sui Monti Ernici da Roma, Latina , Formia e Gaeta ….o no ???

 

Insomma salutandola cordialmente speriamo di averle dato qualche spunto per una serena  riflessione.

Il Comitato per la protezione dei Monti Ernici.