Il Comitato risponde alla lettera aperta sul proposto Parco dei Monti Ernici

Il sig. Segretario Generale dell’Associazione Italiana per la Wilderness continua compulsivamente a chiedersi quali siano gli interessi che la Consigliera Bianchi non dice o nasconde all’opinione pubblica. La cosa, per lui, sta diventando una vera ossessione! Gli rispondiamo con molta semplicità.

Gli ovvii intenti di chi promuove l’istituzione di un’area protetta, e gli scopi che questa persegue, gli dovrebbero essere ben noti da molto tempo, almeno in considerazione del fatto che lui stesso, in passato, ha pensato bene di svolgere la sua vita lavorativa come dipendente di aree protette, il che, fra l’altro, gli ha consentito di percepire uno stipendio, di fregiarsi, a perpetua gloria, del fantastico e fantasioso titolo di “già primo studioso sul campo dell’orso marsicano”, nonché di godere di una pensione per la vecchiaia.

Piuttosto, magari anche con il benevolo intento di distrarlo dalla sua ossessiva mania, siamo ora noi a rivolgergli qualche domanda. Quali sono gli interessi di cui lui è portatore e che lui non dice o nasconde all’opinione pubblica? Come mai ha deciso di trascurare la natìa provincia di Savona, per dedicarsi, “anema e core” e a tempo pieno, alle vicende protezionistiche della provincia di Frosinone? Forse pensa che i frusinati e gli abitanti del Lazio, in genere, non siano in grado di esercitare l’autodeterminazione ed abbiano necessità dei suoi illuminati consigli? O forse s’è convinto che il suo compito, non richiesto (oppure sì?) sia quello di fare il “difensore civico” dei Sindaci ernici? O, forse, c’è dell’altro ancora?

Stia tranquillo … non ci deve rispondere: la domanda è del tutto retorica. Il suo presenzialismo, pressoché quotidiano, sotto forma di comunicati, lettere aperte ed esternazioni varie, sta superando ogni possibile comprensione. Ci dev’essere sicuramente un interesse superiore, un’autentica “missione”, forse un “fioretto da mese mariano”, un qualche pegno “per grazia ricevuta”, per indurre una persona a scomodarsi a venire a svolgere la sua opera missionaria e civilizzatrice in queste lande selvagge della Ciociaria, abbandonando la ben più civile Liguria. Si sente forse di essere una sorta di laico Messìa spedito in questa retrograda terra ciociara per squarciarne le tenebre con le sue molteplici ed inconfutabili verità e competenze, che spaziano dal diritto amministrativo all’ars venandi, dalla politica alla biologia/ecologia dell’orso marsicano? I suoi toni, in effetti, potrebbero far pensare così.

Il nostro vate, con ieratico eloquio, lancia addirittura iettatori anatemi: “Un Parco … per morire!”, blatera, senza rendersi conto che, al contrario, un Parco potrebbe resuscitare i nostri centri che, se non sono ancora “morti”, appaiono sicuramente “moribondi”, stando al sempre maggior numero di saracinesche abbassate e di attività abbandonate. Continua sostenendo -essendo egli il solo depositario della Verità- che i valori naturalistici si possono conservare “anche senza un Parco”.

E lo fa fingendo di non conoscere (ma sappiamo che lo sa!) quali siano i quotidiani attentati qui perpetrati ai danni di quei valori, che sono sempre più in pericolo. Attività di fuoristrada, bracconaggio, progetti demenziali … sono soltanto quelli più frequenti ed evidenti!

Soltanto un’efficace sorveglianza potrà tentare di debellare queste incivili attività: non certo una delle sue fantomatiche “aree wilderness”, che oggi ci sono e domani svaniscono senza colpo ferire, lasciando tutto com’era … se non peggio. Dobbiamo ricordarglielo ancora una volta? Ancora lui -con sfrontatezza … o peggio- arriva a sostenere che “i poteri legislativi di salvaguardia messi in atto dal Governo regionale e/o da quello statale sarebbero -udite, udite- antidemocratici”. Caspita … che visione!! … brutto segno!!

E ancora: “Gli abitanti locali a soffrire per i vincoli che gli rovinerebbero per sempre la vita. E gli amministratori locali a dover poi affrontare in prima persona le proteste dei propri cittadini …! Perché è ad essi che i cittadini poi si rivolgerebbero!” Ma di quali vincoli straparla questo personaggio?

Vincoli (per noi sacrosanti) già ne esistono in abbondanza sugli Ernici (sarebbe lungo e noioso elencarli qui). Il Parco anzi, in proposito, svolgerà una vera e propria opera di benefica compensazione: farà in modo di “tesaurizzare” il capitale naturalistico e paesaggistico consentendo ai Comuni ed ai loro centri abitati (tutti posti al di fuori ed al di sotto dell’area protetta) di beneficiare della ricchezza che li sovrasta, godendo degli interessi senza minimamente intaccare il capitale.

E, poi, a quali cittadini fa riferimento? Noi aderenti al Comitato, ai suoi occhi, non siamo forse cittadini (numerosi) di questi Comuni, di questa Provincia, di questa Regione, meritevoli di essere ascoltati ed esauditi … oppure è convinto (democraticamente?) che soltanto qualche potente lobby a lui più vicina può esercitare certi diritti?

Siamo sicuri che il “birichino”, lui sì, ci nasconda qualcosa! Che cosa sarà? Dobbiamo forse dar peso al fatto che i suoi proclami li troviamo invariabilmente pubblicati sulla “stampa” venatoria? Non vorremmo convincerci che quell’orsacchiotto, che arranca in salita sullo stemma della sua associazione, sia capitato lì per caso, suo malgrado, e non si renda conto del grave pericolo, che corre a seguito della “deriva” presa a dispetto degli “indirizzi” enunciati nel suo Statuto o Documento Programmatico, che dir si voglia.

Stia in pace, si riguardi e … ci raccomandiamo … curi la bile!

Il Comitato per la Protezione dei Monti Ernici

 


SUL PROPOSTO PARCO DEI MONTI ERNICI

LETTERA APERTA ALLA CONSIGLIERA REGIONALE BIANCHI

Ma la Consigliera Bianchi vuole conservare i Monti Ernici o li vuole solo mercificare? E allora, perché ne vanta tanto i valori naturalistici, se questi necessitano solo di essere conservati? Perché essi si possono conservare ANCHE SENZA UN PARCO. Mentre un Parco non può esistere senza vincoli sulla testa della collettività locale! E vorrebbe che questa responsabilità se la prendessero gli amministratori comunali? Lei proponitrice per farsi bella agli occhi dei cittadini di Frosinone o di Roma (che dal Parco avrebbero solo ludici e voluttuari benefici). Gli abitanti locali a soffrire per i vincoli che gli rovinerebbero per sempre la vita. E gli amministratori locali a dover poi affrontare in prima persone le proteste dei propri cittadini per averla accontentata! Perché è ad essi che i cittadini poi si rivolgerebbero!

Non si valorizza infliggendo vincoli o tassando i cittadini (cose in cui sembra essere campione il Suo Partito!). Si valorizza anche con una semplice etichetta di AREA WILDERNESS, che pone l’impegno di salvaguardia nelle sole mani degli amministratori e dei cittadini locali, mentre nel caso di un Parco verrebbero delegati al Governo regionale ed a quello statale che li renderebbe anti-democraticamente inamovibili grazie ad una legge che si sono dati ad hoc.

Se il suo interesse è veramente la salvaguardia dei Monti Ernici (come lo è per noi), perché non si accontenta dei tanti vincoli esistenti e di quelli che l’autonomia locale può autonomamente decidere di darsi e che sono e sarebbero più che sufficienti per la difesa dei Monti Ernici? O la Consigliera Bianchi ha altre mire? Altri obiettivi, magari non dichiarabili pubblicamente?

Un barattolo di marmellata si vende con un etichetta di qualità, ed etichetta di qualità può essere tanto PARCO REGIONALE quanto AREA WILDERNESS. Solo che la prima ha dei costi per la collettività locale che non ha  la seconda. E allora, perché insistere per la prima? Quali sono gli interessi che la Consigliera Bianchi non dice o nasconde all’opinione pubblica?

Franco Zunino
Segretario Generale AIW

 


COMUNICATO STAMPA 

DANIELA BIANCHI

GRUPPO PD REGIONE LAZIO

 

dbalatriPARCO ERNICI: APPELLO A CITTADINI E IMPRESE: SAPETE COSA RISCHIAMO DI PERDERE?SINDACI APRANO CONFRONTO E ASCOLTINO ALTRE VOCI OLTRE ALLE PICCOLE LOBBY GIUBILEO E EXPO GRANDI OCCASIONI PER RILANCIO TERRITORIO CON I CAMMINI E L’ACCOGLIENZA

-La valorizzazione di un’area naturale rappresenta una imperdibile occasione di sviluppo che non possiamo perdere.  In un momento in cui c’è  una forte espansione del turismo naturalistico, in cui la Regione e l’Europa investono in questo settore,  in cui l’Italia è al centro del mondo con l’Expo e il Giubileo, possiamo permetterci di perdere un simile treno? Siamo davvero consapevoli che è necessario lavorare al cambiamento radicale di questa terra, o vogliamo continuare ad essere ostaggio di piccole lobby?-

Queste le dichiarazioni di Daniela Bianchi, consigliera regionale del gruppo PD e prima firmataria della proposta di Legge per l’istituzione del Parco dei Monti Ernici,  in occasione dell’evento “La via Benedicti e il Parco dei Monti Ernici” organizzato da Cai di Alatri nella gioranta di ieri. Un evento molto partecipato, in cui sono intervenuti, tra gli altri, Silvio Campoli del Cai di Alatri, Paolo Piacentini, responsabile dei Cammini Storici nel Ministero dei Beni Culturali e Antonio Carrara,  Presidente Parco Nazionale D’Abruzzo

-Insieme alle associazioni, abbiamo lanciato più volte l’appello ai sindaci per sedersi ad un tavolo e ragionare sulla nascita di un Parco per la valorizzazione dei Monti Ernici, ottenendo da alcuni il rifiuto totale anche solo nell’aprire una discussione. Questa volta mi rivolgo direttamente ai cittadini, alle imprese in difficoltà e alle varie associazioni di categoria. Da loro vorrei sapere se sono consapevoli dei vantaggi che potrebbero avere dalla valorizzazione di quest’area. Parlo di posti di lavoro legati all’accoglienza, alla cultura e all’enogastronomia e alla farmaceutica (viste le tante erbe officinali presenti nei nostri monti). Parlo di un’area che coinvolge i Comuni di Alatri, Collepardo, Fiuggi, Guarcino, Monte San Giovanni, Sora, Vico nel Lazio, Trevi nel Lazio e Veroli, area che al 99,3% è composta da ambienti naturali e già soggetta a vincoli, che con il parco si tramuterebbero invece in occasioni.

Possiamo permetterci di rinunciare a una cosa del genere in un territorio che ha una disoccupazione giovanile del 44% e generale al 15%? I dati ci dicono che nelle aree parco, se ben gestite, le cose vanno diversamente.

Nei parchi i giovani hanno più occasioni di fare impresa, con una percentuale del 13,1% di attività condotte da Under35 grazie a un’accoglienza innovativa dei turisti, di ristorazione a km 0, di attività legate alla green economy e capaci di creare un aumento del PIL di circa 8mila euro per singolo cittadino.

A questo si lega un ripopolamento dei piccoli centri legato anche all’attrattività del brand “parco”, che si tramuta in un aumento di valore delle singole proprietà private.

dbalatri3La realtà è che da qui ai prossimi mesi ci sarà una forte richiesta di accoglienza grazie al Giubileo. Una vetrina unica per presentare al meglio il nostro territorio al mondo. Un momento spirituale voluto da Papa Francesco, che dovrà farci trovare pronti, rendendo fruibili e in rete le nostre aree naturali, i cammini, le certose e le bellezze artistiche della provincia. Dalla via Francigena, alla via Benedicti, abbiamo tutte le carte in regola per far innamorare della nostra terra i turisti italiani e stranieri.

Non a caso, come ci ricorda oggi il Sole 24 ore nell’articolo “La Geografia dei Territori”,  a Expo tra i 14 microtemi del padiglione Italia ci sarà anche quello della dorsale appenninica, che punta sulle attività gestite da giovani, sul ripopolamento e valorizzazione della rete dei piccoli borghi, sulla funzione produttiva dei parchi e sul Paesaggio come trama che connette il cibo, cultura e turismo.

Gli altri Paesi non hanno la nostra bellezza, eppure continuano a crescere nel turismo perché capaci di accogliere e dare servizi a chi arriva. Noi invece, ancora  non riusciamo a farlo perché percepiti come una “Mecca” da visitare una volta sola nella vita.

Da qui faccio l’ultima domanda al territorio:  vogliamo muoverci e seguire da subito altri esempi virtuosi come Assisi o il cammino di Santiago de Compostela,  o vogliamo rimandare a chissà quando lo sviluppo delle nostra terra, lasciando che a deciderlo sia uno sparuto gruppo di persone che ha a cuore solo i propri interessi?

–Ufficio Stampa Consigliera “Per il Lazio” On. Daniela Bianchi

Rif. Marco Campagna
Mail ufficiostampadanielabianchi@gmail.com
Tel. 347.8879846