Carissime Amiche, carissimi Amici,

siamo davvero lieti di comunicarvi che, in data odierna, è stata depositata e protocollata la proposta di legge n°207 della Regione Lazio.

Si tratta della nostra proposta di legge, quella per la quale ci siamo uniti, tutti insieme in questo Comitato, nell’intento di assicurare un’efficace protezione a queste montagne, che finora non godono di alcuna tutela, benché ricchissime di straordinaria biodiversità e di un patrimonio storico e paesaggistico del tutto fuori dal comune.

Questa nostra proposta di legge per la Protezione dei Monti Ernici ha avuto, fin qui, una gestazione lunga e non priva di ostacoli. Il primo contatto in Regione Lazio è avvenuto, quasi un anno fa, il 7 novembre 2013 e da quella data si sono succeduti innumerevoli incontri e confronti.

La prima firmataria, cui manifestiamo tutta la nostra stima, simpatia e gratitudine, è l’Onorevole Daniela Bianchi e, con lei, hanno firmato anche i suoi colleghi Onorevoli Riccardo Agostini, Cristiana Avenali, Davide Barillari, Enrico Maria Forte, Simone Lupi, Eugenio Patanè, Piero Petrassi, Devid Porrello, Oscar Tortosa e Riccardo Valentini, che parimenti ringraziamo per avere dato fiducia e sostegno alle nostre istanze.

Siamo consapevoli che quello di oggi sia soltanto il primo, seppur importante, passo di un iter che richiederà altre attese ed altri confronti, ma siamo anche sicuri che questo sia il giusto viatico per giungere alla felice conclusione di questo progetto avviato, da tutti noi, non per egoistici fini, ma nell’esclusivo interesse della comunità e della Natura, che è la nostra casa.

Molte cordialità e … ad maiora!

Gaetano de Persiis
Comitato per la Protezione dei Monti Ernici

Alatri, 28 Ottobre 2014


Gentilissime amiche, gentilissimi amici,

nel corso di una riunione ristretta, tenutasi lo scorso lunedì 23.06, abbiamo ritenuto opportuno indire un’ulteriore riunione allargata da tenersi il prossimo 07 luglio 2014 alle ore 18:30 presso la Sezione di Frosinone del Club Alpino Italiano (C.so della Repubblica, 178 tel.:0775 852103), gentilmente messaci a disposizione per l’occasione.

Questo l’ordine del giorno:

  • esame della situazione;
  • prossime iniziative.

Sarebbe opportuna e gradita la presenza di almeno un rappresentante per Associazione, fermo restando che chiunque condivida la nostra iniziativa è invitato ad intervenire.

In attesa d’incontrarvi, salutiamo con molta cordialità.      

                                                     Il Comitato per la Protezione dei Monti Ernici



Proseguono gli incontri territoriali di promozione del ’Parco dei Monti Ernici’, da parte dei fautori del progetto, che oggi hanno incontrato Mons. L. Loppa, vescovo di Anagni/Alatri, cui hanno illustrato le finalità dell’iniziativa.

Il Vescovo ha incontrato la delegazione nella sala di rappresentanza della curia di Anagni, ed ha ascoltato con molto interesse l’illustrazione dell’idea di dotare la dorsale appenninica ciociara di un ente che ne tuteli la conservazione e ne promuova la godibilità anche per le future generazioni.

Sua Eccellenza ha assicurato che seguirà personalmente l’evolversi del progetto, ponendo l’accento su come le questioni che riguardano l’ambiente e il progresso dell’uomo, siano strettamente legate alla visione di evoluzione delle persone e di amore della Chiesa; ha voluto anche ricordare che, nella sua Diocesi, opera già il Parco dei Simbruini e come questi interagisca positivamente con il Santuario della SS Trinità di Vallepietra, contribuendo non poco alla gestione positiva del pellegrinaggio religioso.

L’incontro ha evidenziato la necessità di creare una rete “stretta” e ben integrata a livello territoriale, di collaborazione e sviluppo verso iniziative lodevoli di attenzione e di promozione della qualità della vita delle persone, comunque in grado di dare attenzione alle problematiche del lavoro, anche con l’obiettivo di definire un’offerta turistica strutturata e competitiva, basata su manifestazioni a forte connotazione spirituale e identitaria, nell’ottica di un rilancio territoriale, basato su presupposti di tutela e salvaguardia della natura e della fauna selvatica, in grado di ridare attenzione e diversificazione  anche ai flussi turistici a livello locale, e ad una filiera regionale del turismo culturale-religioso.

È evidente come ogni Comune, adiacente all’area montana, presenti proprie caratteristiche specifiche, che possono essere oggetto d’innumerevoli iniziative di un nuovo modello di sviluppo. Il Parco può oggettivamente rappresentare volano, stimolo e speranza per le popolazioni che ne faranno La delegazione, nel ringraziare Mons. Loppa per la sua sensibilità e l’alta attenzione riservata alle problematiche del territorio, ha sottolineato come da sempre lo stretto legame uomo-natura sia indissolubile nella riflessione e contemplazione nel territorio degli Ernici: dalla certosa di Trisulti, alla Proto Abbadia di S. Sebastiano. Similmente per quel che attiene lo sviluppo dei saperi, che hanno da sempre legato il benessere dello spirito alla cura del fisico: vedasi la storica farmacia presente nel monastero Ernico e già nota dal XVII secolo e la presenza attuale di competenze scientifiche sulle erbe medicinali e meritevoli di sviluppo e attenzioni superiori.

Anagni, lì 26-3-2014

Il Comitato per la protezione dei Monti Ernici

http://www.comitato-ernici.org/

info@comitato-ernici.org