DUE SPECIALISTI NELL’AGGRESSIONE VERBALE

 

Il Dott. Zunino e il Dott. Vivoli, due specialisti che non sanno dialogare e per di più, specialisti nel negare l’evidenza.

Qualcuno può negare il fatto che sui i Monti Ernici e i Cantari non è dato vedere un Capriolo, un branchetto di Cervi o Camosci?

E perché poi l’ironia sugli Orsi?

Qualcuno può negare l’evidenza dell’emozione che prova chiunque abbia la fortuna di vederlo o vederne le tracce?

Come si può negare poi che i paesi e le realtà che vivono a ridosso delle aree protette hanno indici occupazionali ed economici superiori?

Basta andarsi a vedere le pubblicazioni scientifiche o più semplicemente leggere ad esempio il Corriere della Sera, Edizione Campania e vedere come viene spiegato che la zona montuosa del Cilento da quando è diventata parco è divenuta una delle zone di massima attrazione in Campania.

E poi chi sono questi due “Scienziati in Sociologia”  secondo cui i cittadini sarebbero scontenti?

Perché allora loro stessi non si fanno interpreti di un referendum sulla caccia?

E a proposito di applicazione delle regole, perché il Dott. Vivoli non rispetta le norme che riguardano le Aree Contigue? E non spiega che i cacciatori delle aree interessate sarebbero i soli a poter cacciare?

Chi ha interesse oggi che i cacciatori da tutta la Campania e Lazio vengono nelle nostre zone? E ancora a chi fa comodo che nelle nostre zone ci siano battute di caccia al cinghiale con decine e decine di battitori e fino a 50 cani contemporaneamente, a proposito Zunino, Lei è d’accordo anche sulla caccia braccata?

E per finire, ci chiedono di piantare e zappare.

E loro cosa fanno?

Il Dott. Vivoli è alla presidenza dell’A.T.C., da quanti anni “vive” di presidenza?

E il Dott. Zunino, dove “ha zappato”?

Noi di Orso and Friends l’abbiamo fatto con i nostri soldi, mettendo a dimora centinaia di alberi da frutto.

In primavera li puliamo e in autunno li potiamo, perché davvero crescano.

E poi abbiamo recuperato e ripiantato centinaia di alberi in via di rinsecchimento.

Per evitare ironie o dubbi da Zunino, sono tutte segnate e localizzate con tracce GPS e i tabulati consegnati al Parco.

E quindi per finire, un po’ più di modestia e meno prosopopea.

Noi non abbiamo nulla contro i cacciatori.

Anzi siamo convinti che si può convivere, da amanti della natura, ma senza insultare.

 

Agostino Conte.

Posted in Notizie
Share this post, let the world know

Lascia un commento