Se esiste una partenza che fa sgranare gli occhi è senza dubbio quella che da Campo Catino porta prima in località Pozzotello e poi a Monte Crepacuore.

Già la sola vista della conca carsica di Campo Catino potrebbe farci sentire appagati, inducendoci a soffermarci eccessivamente e restare indietro con il percorso, ma come non fermarsi più volte ad ammirare i tesori naturalistici qui presenti!? Alcuni più grandi, altri minuscoli e nascosti, dal piccolo fiore Botton d’oro al fossile di Rudista, dal grande Circo Glaciale ai numerosi fenomeni carsici. Continue reading