Elezioni 2018: contenuto del suo programma elettorale in relazione alla protezione dei Monti Ernici.

Quali promotori del Comitato in epigrafe, ci troviamo nella necessità d’indirizzarle questa “lettera aperta”.

La sua risposta interesserà certamente molto le 67 diverse Associazioni che aderiscono al Comitato stesso, nonché le diverse centinaia di persone che hanno aderito a titolo personale e, in generale, tutta l’opinione pubblica.

Nel corso della tornata elettorale appena conclusasi con il suo successo, abbiamo intrattenuto contatti con la D.ssa Daniela BIANCHI, ex consigliera non rieletta nel nuovo Consiglio Regionale e firmataria dell’ormai decaduta P.d.L. 207/2014 relativa all’Istituzione di un’Area Protetta sui Monti Ernici. Nel corso degli incontri, siamo stati ampiamente rassicurati sul prosieguo del suo impegno in favore del progetto che seguivamo.Abbiamo anche avuto l’opportunità, in parallelo, di seguire la sua “pagina Facebook” sulla quale, in data 19 febbraio 2018, a seguito di uno scambio di “post” con altro utente, che esprimeva dubbi sull’esistenza nel “programma Zingaretti” di un impegno pro-Ernici, ne allegava una “foto” in cui era evidenziato in giallo il capoverso con l’asserzione (seppure un po’ ambigua) che agli Ernici sarebbe stata “dedicata un’azione di tutela” (cfr. allegato 1).

Dalla medesima “pagina Facebook” del successivo 9 marzo c.a., ad elezioni concluse, apprendiamo che quel suo impegno a “dedicare un’azione di tutela” ai Monti Ernici è inopinatamente scomparso (cfr. allegato 2).

Noi stessi siamo certi che l’importante impegno sia “stranamente” scomparso dal suo programma, benché in precedenza formulato, in quanto abbiamo “scaricato” e conservato i due PDF (cfr. allegati), nelle date sopra ricordate, dal suo sito ufficiale:

https://www.nicolazingaretti.it/wp-content/uploads/2018/02/Programma_Zingaretti.pdf

Quali sono i motivi di questa singolare scomparsa?

Le chiediamo cortesemente di chiarirceli.

Ci auguriamo, ovviamente, che si sia trattato di una spiacevole ed involontaria “svista” dei suoi collaboratori, anche perché la sua firma è apposta in calce a ben due altri formali documenti che riteniamo vincolanti: le Delibere di Giunta 463/2013 e 687/2016, con le quali la Regione Lazio s’impegna ad individuare “una forma di adeguata tutela degli Ernici” nell’ambito del PATOM (Piano d’Azione a Tutela dell’Orso Marsicano).

Gradiremo, pertanto, avere una sua risposta chiarificatrice, che fughi ogni dubbio e che confermi l’impegno suo e della sua prossima Giunta a tutelare i Monti Ernici come Parco autonomo o, quanto meno, ad inserire il loro territorio nell’esistente ed attiguo Parco Regionale dei Monti Simbruini, con ciò onorando almeno gli obblighi già presi.

Saremo lietissimi in molti nel leggere una simile risposta: noi stessi, i numerosissimi aderenti al Comitato, ed anche la D.ssa Daniela Bianchi, che, benché non confermata come Consigliera, con la sua azione pro-Ernici ha raccolto numerosi consensi, che, certamente e non poco, hanno contribuito alla sua rielezione.

In attesa di leggerla, porgiamo cordiali saluti e auguri di buon lavoro.

12.03.2018

 

IL COMITATO PER LA PROTEZIONE DEI MONTI ERNICI


Gentilissimo Presidente,

ci permettiamo di cogliere l’occasione dell’odierna Sua visita al meraviglioso complesso della Certosa di Trisulti, immerso nello straordinario scenario di queste erniche montagne, per attirare e mantenere la Sua attenta sensibilità su quest’ambito territoriale, che non gode ancora di alcuna significativa protezione, benché racchiuda in sé rilevanti tesori storici, artistici, paesaggistici e naturalistici.

Il 28 ottobre dello scorso anno, è stata depositata la proposta di legge n°207, da noi sostenuta, per l’istituzione di un Parco Naturale Regionale sui Monti Ernici e siamo in attesa che ne venga avviato e concluso il relativo iter per l’approvazione.

Siamo confortati, nell’attesa di questo favorevole esito, anche dalla D.G.R. n° 463 del 17.12.2013, delibera avente per oggetto “Conservazione dell’Orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus): istituzione del Comitato Tecnico dei Direttori e linee guida per l’attuazione delle priorità di intervento”.

Fra le priorità d’intervento in essa individuate, al punto 3) sub g), si legge: “Individuazione di una forma adeguata di protezione dell’area dei Monti Ernici”.

Nell’allegato A)-Linee guida per l’attuazione delle priorità d’intervento, si legge:

PRIORITÀ   – Individuazione di una forma adeguata di protezione dell’area dei Monti Ernici (rif. azioni A4 e A5 del PATOM)

LINEA GUIDA  – Nell’ambito della definizione del nuovo Piano Regionale delle Aree Naturali Protette, di prossimo avvio, verrà condotta l’analisi delle proposte di istituzione di nuove aree protette.

L’area dei Monti Ernici, già precedentemente individuata dall’Agenzia Regionale per i Parchi (2007) come area di reperimento sulla base degli elevati valori naturalistici, sarà rivalutata criticamente anche alla luce delle nuove proposte di istituzione.

In base agli esiti dell’analisi, saranno individuati il percorso e gli strumenti normativi più idonei a garantire un’adeguata forma di protezione dell’area (ad oggi interamente ricompresa nei siti della Rete Natura 2000).

TEMPI PREVISTI – Individuazione del percorso e degli strumenti normativi entro giugno 2015.

…………

Ci rivolgiamo alla Sua sensibilità affinché l’impegno sia presto onorato, anche in considerazione del fatto che è stato ribadito, in data 16.04.2015 dal rappresentante regionale, Dr. Vito Consoli, nel corso della riunione dell’Autorità di Gestione del PATOM tenutasi presso il Ministero dell’Ambiente.

Insieme con le 64 diverse Associazioni aderenti al nostro Comitato, saremo lieti di avere da Lei un cenno di positivo riscontro con l’indicazione dei presumibili tempi necessari.

Voglia gradire i nostri più cordiali saluti.

Il Comitato per la Protezione dei Monti Ernici

Riccardo Copiz                             Gaetano de Persiis

http://www.comitato-ernici.org


Riportiamo con soddisfazione le parole del Consigliere Regionale di maggioranza Daniela Bianchi,  che prende apertamente posizione a favore dell’istituzione di un’area protetta sui Monti Ernici. Fa piacere e gliene diamo atto pubblicamente che essa si schieri con il Comitato dopo aver attentamente valutato la nostra proposta e dopo essersi confrontata con tante realta’ locali dai Sindaci ai Sindacati della Provincia di Frosinone per finire con le decine (ad oggi 55) associazioni del territorio ernico che hanno dato vita al Comitato. E’ un piccolo primo passo verso un piu’ ampio coinvolgimento del PD regionale e del suo governatore Zingaretti che in campagna elettorale  fu prodigo di promesse di attenzione verso i problemi della conservazione ambientale, promesse di cui adesso attendiamo la concretizzazione.

15 15/02/2014 1502_CI - Frosinone